èPasta: lo street food sostenibile a Milano

èPasta: un format di ristorazione innovativo / Un container riadattato che fornisce prodotti preparati al momento
Martedì
02.04.2019
èPasta è il format di ristorazione ideato da Damiano Alberti per offrire prodotti cotti al momento in modalità take away, tramite container-cucina.
 

 èPasta è il format di ristorazione ideato per offrire pasta fresca cucinata e condita al momento in modalità take away, tramite container-cucina posizionati su strade, piazze o centri commerciali. Ad oggi i container-cucina èPasta sono attivi a Milano, presso le Università Bocconi, Cattolica, Politecnico e Bicocca.

èPasta punta al franchising nazionale ed internazionale

èPasta nasce in occasione di Expo 2015 per offrire un prodotto fresco cucinato e condito al momento in modalita street food, all'interno di un container marittimo riadattato. L’ideatore, Damiano Alberti, insieme a Stefano Goracci, che si occupa del Controllo e della gestione, e Nicola De Colle, esperto in Finanza,  ha l’obiettivo di espandere il progetto nelle principali città italiane e straniere, tramite il franchising. La proposta di èPasta ha il vantaggio di permettere ai clienti di  consumare tutti i giorni lo stesso prodotto in diverse combinazioni.  La pasta, servita in una  food cup, mantiene il prodotto caldo per molto tempo ed è molto comoda e pratica sia nel trasporto sia nel consumo. Non a caso, il punto di ristoro èPasta è costituito da un elemento mobile posizionato su strada o su piazza; è composto da un modulo apribile sul lato lungo a ribalta con un bancone, mentre l’interno è completamente attrezzato con elementi di cucina industriale, con reparti conservazione cibi freddi, cibi caldi, bevande, preparazione e cottura alimenti, rispettando le normative vigenti in ambito igienico – sanitario.

Crowdfunding e franchising

Con la collaborazione di Seed Money, società di business leader nel finanziamento delle startup early stage, èPasta ha lanciato una  campagna di crowdfunding, che permetterà all’insegna di diffondersi in Italia ed entrare nel mercato francese. La campagna ha raggiunto in poche settimane l'obiettivo minimo di 150mila euro, andando in overfunding e raggiungendo la quota massima di 300mila euro con una settimana di anticipo. Raggiunto l’obiettivo si programma dunque lo sviluppo italiano con nuovi punti di vendita. L’obiettivo è raccogliere i capitali che permetteranno al format di espandersi velocemente in altre città italiane e all’estero. Il marchio èPasta a oggi è registrato in Europa ed in USA, inoltre il disegno del container è stato registrato all’ufficio brevetti come Modello Comunitario per l’Europa. La strategia di sviluppo è basata sulla realizzazione di una rete nazionale e internazionale di franchising che ci vede produttori e rivenditori, tramite terzi, di strutture (locali di vendita) e prodotti (pasta e sughi). È già stata stabilita e contrattualizzata una nuova apertura con l’ attivazione di un container èPasta presso la Base USA di Vicenza.   èPasta è inoltre impegnata nella ricollocazione in ambito lavorativo, di  personale selezionato dal Centro di Mediazione al Lavoro del comune di Milano, così come persone di categoria B da cooperativa sociale e da CELAV, struttura nata per garantire l’inserimento del lavoro di disoccupati e diversamente abili.

 


èPasta: un crowfunding per lo sviluppo in franchising / Lo street food italiano punta all’espansione del progetto nelle principali città italiane e straniere

Popolare nel forum