“La mia svolta con PrivatAssistenza”

Lucia Sanfelici a 56 anni scopre il network di assistenza domiciliare per anziani, malati e disabili. Apre due centri e cambia vita. In meglio.

“Avevo 56 anni quando mi sono rimessa in gioco, oggi entro in un’altra fase della mia vita ma posso dire con certezza e una certa emozione che gli anni con PrivatAssistenza sono stati davvero ‘pieni’: di sfide, di soddisfazioni, di traguardi raggiunti. Sempre spostando l’asticella un po’ più in là”.

Lucia Sanfelici

Lucia Sanfelici, 64 anni, della provincia di Reggio Emilia, è stata fino a oggi titolare dei centri PrivatAssistenza di Parma e Colorno. Nato nel 1993, il network svolge attività di assistenza domiciliare per anziani, malati e disabili. Oggi conta oltre 200 centri sul territorio tra affiliati e diretti.

Alle origini di un successo

Il successo dell’attività di Lucia Sanfelici è dovuto a un mix di ingredienti che fanno davvero la differenza nel determinare il buon esito di una impresa con la formula dell’affiliazione commerciale. Ma c’è anche un episodio determinante, che qualcuno potrebbe chiamare caso, qualcun altro destino

“Negli ultimi ventisei anni avevo lavorato come assistente di presidenza in due aziende, una privata e una cooperativa nel settore dei servizi. Il filo rosso della mia attività è sempre stata l’attenzione alle relazioni, al fattore umano. E infatti ho deciso di cambiare quando è venuto a mancare l’allineamento tra questa mia attitudine e l’operatività quotidiana, che mi chiedeva altro”, racconta Lucia. “Sono sempre stata aperta alle nuove opportunità e predisposta a crescere. Quando ho preso la decisione di cambiare vita ho iniziato a cercare opportunità su Internet”.

Dal web all’inaugurazione

Lucia Sanfelici non conosceva la formula del franchising, ma ricordava molto bene uno striscione PrivatAssistenza visto nella cittadina dove abita, in provincia di Reggio Emilia. Trova quell’insegna sul web ed è così che si mette in contatto con l’azienda. “Da subito ho avuto la percezione di una realtà strutturata, solida, affidabile. E il fatto che mi ricordassi di quello striscione da un lato mi ha fatto pensare a una sorta di ‘segnale’, che ho colto, dall’altro a un marketing efficace. Perché sì, uno degli aspetti vincenti della rete è la notorietà del brand, frutto di una importante attività di marketing e comunicazione a livello nazionale e locale”. L’avvio dell’attività procede veloce, perché a Parma esiste da un anno un centro PrivatAssistenza che i titolari vogliono cedere. “Non era la loro professione, io avevo già il capitale per partire, la location c’era, si trattava di cominciare a farsi conoscere, perché quella saracinesca era rimasta abbassata troppo spesso. Ma io avevo una motivazione forte, fortissima”, commenta Lucia.

Una crescita costante

L’imprenditrice inizia da sola “ma – puntualizza – l’azienda mi ha dato tutti gli strumenti per lavorare bene fin dal primo giorno”. E i risultati non tardano ad arrivare. “La gente capisce chi siamo e che cosa facciamo, grazie a una serie di operazioni sul territorio, dal volantinaggio alle lettere inviate ai medici, a una presenza assidua, a quella saracinesca ormai sempre aperta. Perché non puoi svolgere questa professione se non hai passione e dedizione per ‘l’altro’, per i più fragili, se non avverti profondamente le esigenze delle loro famiglie. E io, forse anche per una mia esperienza personale nella mia casa di origine, questo bagaglio l’ho sempre avuto”, ricorda Lucia

L’imprenditrice di PrivatAssistenza seleziona i collaboratori, mette il cliente al centro, si reca personalmente nelle abitazioni di chi è andato per un primo contatto in agenzia. “La paura di non farcela c’è, ma la passione è più forte di tutto”. L’attività cresce e diventa un punto di riferimento del territorio.

Una nuova pagina

A marzo 2021 le collaboratrici dell’agenzia sono quattro. “L’assistenza della casa madre costante e continua, la disponibilità dell’agenzia 24 ore su 24, sette giorni su sette, l’attenzione al team building, alla customer satisfaction, alla gestione del cliente. Niente è lasciato al caso”. Questa imprenditrice che si è rimessa in gioco a 56 anni e con PrivaAssistenza ha trovato la sua nuova vita professionale, dopo otto anni volta pagina per dare spazio a una nuova fase della sua esistenza, la gioia della pensione. A subentrare come Presidente e Responsabile dei Centri è Gerardo Malangone, già Titolare di Cpo Mobility. “Ma so – conclude – che casa madre e nuovo team non potranno che fare crescere ulteriormente un patrimonio che è di tutti, in primo luogo delle famiglie che seguiamo e che sono entrate a far parte delle nostre vite”

I plus del Franchising PrivatAssistenza

Nato nel 1993, il network svolge attività di assistenza domiciliare per anziani, malati e disabili. Oggi conta oltre 200 centri sul territorio tra affiliati e diretti. Ogni centro PrivatAssistenza offre: Operatori qualificati – Servizi flessibili e senza vincoli – Attivazione tempestiva – Disponibilità 24 ore su 24 – Servizi occasionali o continuativi – Assistenza diurne e notturna – Assistenza 365 giorni all’anno anche festivi – Assistenza a casa o in ospedale – Assistenza telefonica 24 ore su 24 – Copertura assicurativa – Servizi personalizzati, concordati e su misura.

LEGGI ANCHE

Scarica gratis il Magazine

Grazie per aver scelto di leggere Start Franchising. Se ti interessa il franchising, se vuoi essere aggiornato gratuitamente sulle ultime notizie riguardo al settore e desideri ricevere gratis i prossimi numeri del magazine, iscriviti alla nostra newsletter.