Il food sharing arriva a Milano

Regusto
Regusto / In un periodo in cui il tema della sostenibilità è centrale, per Regusto era determinante essere anche a Milano, città dinamica ed estremamente attenta a queste nuove istanze.
Martedì
10.12.2019
Dopo quelli di Roma, anche locali e catene di ristorazione del capoluogo meneghino hanno scelto Regusto, la app che salva dagli sprechi alimentari.
 

Regusto, l'app contro gli sprechi alimentari, dopo Roma è arrivata anche a Milano. Dai Navigli a Porta Nuova e dalla Stazione Centrale a Bicocca, sono più di 30 i locali che hanno deciso di utilizzare l'applicazione. Con Regusto, che invia in tempo reale notifiche geolocalizzate di offerte last minute di prodotti sia in ambito profit che no profit, i ristoratori possono offrire a prezzi scontati i piatti che rischierebbero di essere sprecati, mentre i clienti possono comprare pietanze scontate fino al 50%. Tra le attività di ristorazione del capoluogo meneghino che hanno scelto Regusto troviamo il Long Bistrot, il ristorante giapponese Saien, lo street food Testone, l'indiano Raj e il Mieru Mieru. E poi la catena in franchising Odoroki, che ha aderito a Regusto con i locali dei centri commerciali di Arese e Assago.

"In un periodo in cui il tema ambientale è centrale, per Regusto era determinante essere anche a Milano, città dinamica ed estremamente attenta a queste nuove istanze. Lo spreco alimentare in Italia equivale a 15 miliardi di euro all’anno, quasi un punto del Pil nazionale. Regusto con la sua app e la sua piattaforma rappresenta una risposta contro questo scempio: per i ristoratori è un canale di vendita in più per gestire in modo più efficiente il ciclo di approvvigionamento e preparazione dei piatti; per i consumatori è un servizio che permette di mangiare bene a prezzi scontati e contribuire alla lotta allo spreco alimentare" afferma Paolo Rellini, co-founder di Regusto.

Regusto: la piattaforma tecnologica di food sharing con finalità sociali

Oltre ad essere un'app gratuita, Regusto è anche una piattaforma tecnologica di food sharing con finalità sociali. Grazie al servizio dedicato alle donazioni, infatti, enti no profit e pubbliche amministrazioni possono offrire piatti o prodotti in eccedenza alle persone in stato di bisogno.

 "La nostra innovativa piattaforma mette in rete le Pubbliche Amministrazioni, gli enti no-profit e i produttori e distributori di generi alimentari, per garantire una redistribuzione in tempo reale del cibo che altrimenti andrebbe buttato. Un modello di food sharing riconosciuto come innovativo a livello europeo e approfondito recentemente in una pubblicazione scientifica dedicata all’impatto della digitalizzazione sulla riduzione dello spreco alimentare" conclude Paolo Rellini, che insieme a Marco Raspati ha fondato la startup Recuperiamo, ideatrice della app.

Regusto può essere scaricata da App Store e Play Store.


Aspirante giornalista

Popolare nel forum