Linopassamilvino: il fast food dell’arrosticino

Linopassamilvino: l’arrosticino in franchising
Linopassamilvino: l’arrosticino in franchising / Il format esporta in Italia e all’estero la tipica cucina abruzzese
Martedì
21.05.2019
Linopassamilvino è una formula in franchising di street food che nasce con l’obiettivo rendere l'arrosticino abruzzese un prodotto internazionale.
 

Linopassamilvino  è un format di street food italiano in franchising, nato dall’esperienza del suo fondatore che ha vissuto la tradizione della cucina abruzzese prima in famiglia, poi come coronamento del suo sogno aprendo a Torino il primo fast food dell’arrosticino.

Linopassamilvino: la storia e gli obiettivi

Il format è stato ideato da Rossano Lannutti, con genitori di origini chietine emigrati al nord in cerca di fortuna, eredita dalla madre la passione per la cucina, per gli arrosticini cucinati nelle cene di famiglia e dal padre, il mestiere di imprenditore. Così, dall’idea di portare l’amato Abruzzo sulla tavola dei torinesi,  sette anni fa nasce  Linopassamilvino,  ristorante, ormai, punto di riferimento per gli appassionati del famoso arrosticino.  Due anni dopo Rossano e Lino, suo fratello, aprono un secondo locale in pieno centro, con un format fast food dell’arrosticino,  che punta sull'informalità. La varietà del menu presente da Linopassamilvino franchising street food  è stata studiata per attirare l’attenzione di tutti i target di clientela. Dagli arrosticini di pecora, pollo, maiale e angus ai taglieri di salumi e formaggi, le pizzike e le pallotte cacio e ove, preparate con pane, uovo e formaggio poi fritte e ripassate al sugo. Altro prodotto cardine del franchising street food Linopassamilvino,  è l’”abburrito”, un misto tra il famoso burrito messicano e la parola abruzzese “abburritare”, arrotolare.  Si tratta di una piadina arrotolata, condita nello stile dei piatti tipici della cucina folkloristica mondiale, tra le versioni la variante del kebab, con gli arrosticini di pecora e la salsa harissa, il pollo & curry all’indiana, il maiale e fagioli tex-mex. Il locale è stato ideato con un’attenzione particolare alla replicabilità, sia dal punto di vista di comunicazione sia dal punto di vista del menu. Il progetto di franchising si rivolge sia a persone senza esperienza sia a chi è già del settore ed offre esclusiva di zona, formazione, supporto nella ricerca e valutazione della location, assistenza a distanza post apertura, supporto di marketing. L’obiettivo di Linopassamilvino, infatti,  è sviluppare il marchio sia in Italia che all’estero, creando una rete insieme ai franchisor per diffondere il format oltre il confine abruzzese. L’apertura di un locale  prevede un investimento iniziale di 59mila euro circa, per la stipula di un contratto della durata di 5 anni su una superficie di 100 - 150 metri quadri. 


Popolare nel forum