Le donne dell'ortofrutta nascono a Bologna

Venerdì
22.12.2017
Nasce a Bologna “Le donne dell’ortofrutta”, un’associazione tutta al femminile. L’associazione è nata, lo scorso 6 dicembre, dall’idea di 30 donne che, assieme, hanno deciso di creare un progetto innovativo dedicato al settore agroalimentare made in Italy.
 


Le donne dell’ortofrutta arrivano a Bologna.

Il progetto nasce con lo scopo di presentare nuove idee ed eventi relativi al settore dell'ortofrutta in un'ottica tutta al femminile. L'associazione è stata presentata da Simona Caselli presidente di Areflh, l'Associazione delle Regioni Ortofrutticole Europee, che ne è poi diventata socia onoraria. La Caselli ha, infatti, dichiarato "Ho accolto con piacere e interesse la proposta di diventare socia onoraria delle Donne dell'Ortofrutta perché ritengo che le imprenditrici e le operatrici del settore possano giocare, in questo momento, un ruolo importante di stimolo culturale e ideativo per promuovere sempre di più un settore fondamentale per l'agroalimentare Made in Italy. Tra l'altro l'Associazione è unica in Europa e di questo siamo orgogliose".

Le donne dell'ortofrutta: i primi passi ed obiettivi

Le prime attività ed i primi passi dell'associazione sono finalizzati, tra le altre cose, a reclutare altre socie ed, infatti, sulla pagina Facebook dell'associazione scrivono "Alla nostra email arrivano molte richieste di informazioni da parte di donne dell'ortofrutta che vorrebbero fare parte di questa associazione. È molto bello quanto succede perché la prima cosa che ci scrivono sono i complimenti, ma la seconda è che a loro avviso mancava un'associazione al femminile che parlasse di ortofrutta. Siamo felici e contiamo su tutte voi. Buon pomeriggio!". L'associazione condivide l'idea di combattere la discriminazione di genere in un settore come quello agroalimentare che è ancora prettamente maschile e quindi sostiene la necessità di inserire la figura femminile all'interno del mondo imprenditoriale. Le donne dell'ortofrutta sono anche molto attive sui social, come Facebook, dove parlano di se stesse e dove condividono articoli sul settore agroalimentare, sull'alimentazione ecc... "Sempre più spesso - ha sottolineato Simona Caselli - si sente l'esigenza di "raccontare" l'ortofrutta, facendo emozionare i consumatori. E' importante adottare linguaggi e proposte che vadano in questa direzione. Ebbene, le Donne dell'ortofrutta vogliono dare un contributo di conoscenza ed esperienza su questi temi di grande attualità".


Aspirante giornalista